Premio Artistico 2014

Per la sesta volta consecutiva dalla prima edizione del 2003, anche nel 2014 la Fondazione VAF continua la sua ambiziosa serie di mostre sulle attuali posizioni dell’arte italiana, assegnando contestualmente a uno degli artisti partecipanti il premio che è solita conferire ogni due anni.

 impressioni sul Premio Artistico 2014

Premio VAF Premiazione

Finalmente, dopo una lunga attesa, questa sera alle ore 17.30 durante l’inaugurazione presso Palazzo della Penna a Perugia la Fondazione VAF annuncerà il nome del vincitore di questa sesta edizione del premio e dei due artisti che riceveranno una menzione speciale.

La Giuria, composta da Volker W. Feierabend, Lorand Hegyi, Sivila Höller, Norbert Nobis, Peter Weiermair, Klaus Wolbert all'unanimità conferisce il suo premio principale per l'anno 2014 a

MARIA ELISABETTA NOVELLO. In riconoscimento dell'individualità spiccatamente ostinata e della singolare posizione della sua produzione creativa nella quale è riuscita a creare, attraverso l’utilizzo della cenere, un mezzo di comunicazione molto personale. Con la cenere, Maria Elisabetta Novello, è in grado di ottenere raffinati e suggestivi effetti sia in situazioni spaziali che in allestimenti di installazioni video. 

Inoltre, ricevono una menzione speciale RÄ DI MARTINO e GIANLUCA VASSALLO con le seguenti motivazioni:

RÄ DI MARTINO. In apprezzamento delle singolari qualità artistiche che dimostra realizzando brevi e affascinanti racconti cinematografici nei quali anche l'apparente noto tende al misterioso e uomini, oggetti o anche banali avvenimenti quotidiani subiscono un surreale straniamento.

GIANLUCA VASSALLO. In riconoscimento di un'azione artistica sorprendentemente impegnata, sostenuta da un desiderio umano e comunicativo che produce esiti nei quali le frontiere della fotografia vengono varcate nella direzione di un confronto diretto con il mondo.

 

Catalogo

Premio Artistico 2014

Il presente catalogo, a cura della Fondazione VAF, documenta la sesta edizione della mostra dedicata alla giovane arte italiana che la Fondazione organizza ogni due anni contestualmente al conferimento di un premio. La mostra, che sia dal punto vista dei contenuti che delle persone coinvolte è stata concepita e organizzata dai responsabili della Fondazione VAF, serve come preselezione per il definitivo conferimento del premio ed è il frutto di una collaborazione tra la Fondazione VAF e le rinomate istituzioni artistiche in cui questa esposizione della creatività italiana viene presentata al pubblico. La prima tappa della mostra sarà ospitata dal 9 Febbraio al 27 Aprile del 2014 nello SCHAUWERK di Sindelfingen, splendido edificio espositivo de The Schaufler Foundation. A seguire, dal 24 Maggio al 28 Agosto del 2014, questa manifestazione artistica italiana sarà in mostra nella Stadtgalerie di Kiel.

  Informazioni sul catalogo

Sedi espositive

schauwerk sindelfingen2

SCHAUWERK
Sindelfingen
9 Febbraio 2014   -  27 Aprile 2014

  » saluto di Barbara Bergmann

Kiel

Stadtgalerie
Kiel
24 Maggio 2014   -  31 Agosto 2014

  » saluto di Wolfgang Zeigerer

Palazzo della Penna

Palazzo della Penna
Perugia
29 Novembre 2014   -  25 Gennai 2015

Partecipanti

Guglielmo Castelli

Transitorietà e fragilità, instabilità e una notevole fluidità caratterizzano l’immaginario frammentato nei disegni di Guglielmo Castelli. Gli oggetti non sempre chiaramente definibili, i corpi umani e animali, o anche le piante, o ancora i frammenti di corpi formano una micro-realtà coerente ma al tempo stesso magica ed enigmatica, i cui elementi sono in costante evo...

 ulteriori informazioni

Flavio De Marco

Flavio de Marco è un pittore, e in effetti, in maniera più restrittiva, lo si potrebbe perfino definire pittore paesaggista, perché in fondo il paesaggio è in qualche modo sempre presente nella sua opera. Tuttavia si fa spesso fatica a riconoscere effettivamente dei paesaggi nei suoi dipinti. I suoi quadri sono al tempo stesso figurativi e astratti, riconoscibili eppu...

 ulteriori informazioni

Marco di Giovanni

Nelle sue sculture e installazioni spaziali Marco Di Giovanni lavora con contrasti materici. Per lo più combina tra loro diversi oggetti trovati, al cui interno, di fronte a immagini o proiezioni luminose, inserisce lenti ottiche ingrandenti o deformanti. In questo riduce al minimo il suo intervento artistico, allo scopo di mantenere inalterata l’originale funzionalit...

 ulteriori informazioni

Rä di Martino

Da quando esiste il film, la nostra percezione del mondo è cambiata radicalmente. Utilizzato inizialmente come semplice strumento di documentazione, presto è diventato cinema, una finzione che tuttavia difficilmente poteva essere distinta dalla realtà. Fra le altre cose si è scoperta anche la possibilità di fare rivivere il passato o di inventare il futuro prevedendol...

 ulteriori informazioni

Zoè Gruni

Miti, superstizioni, rituali e tradizioni sciamaniche sono i punti di partenza nell’opera di Zoè Gruni. Secondo la teoria della “memoria culturale” dell’egittologo e studioso tedesco Jan Assmann, questi processi irrazionali sono una parte fondamentale della memoria culturale della società e rappresentano una sorta di serbatoio di idee. Anche nell’arte le tradizioni mi...

 ulteriori informazioni

Jacopo Mazzonelli

Definire Jacopo Mazzonelli inventore di una significativa semantica dell’oggetto nonché autore creativo di pregnanti costellazioni visuali significa cogliere esattamente il nucleo della sua ricerca artistica. Mazzonelli è un artista che procede in larga misura dalla creazione di idee mentali e che agisce a un livello di riflessione creativa altamente intellettuale, su...

 ulteriori informazioni

Margherita Moscardini

Nelle sue opere, che risultano contemplative e complesse, Margherita Moscardini intreccia spazio e tempo, paesaggio e architettura, immagine e illusione. Al centro del suo interesse ci sono processi di trasformazione, appropriazioni e condizioni che provocano un cambiamento e una mutazione. Nei suoi lavori legati al luogo, intesi non come opere concluse ma come proget...

 ulteriori informazioni

Caterina Nelli

Le opere di Caterina Nelli esposte nella mostra del “Premio Artistico Fondazione VAF” sono nate tutte nell’ambito di una serie di viaggi in Giappone dove l’artista si è recata negli anni 2012 e 2013 per studiare sul posto il movimento Mingei, fondato dal filosofo e storico dell’arte Yangai Soetzu, con cui si confrontava da tempo. Parallelamente, l’artista è stata ospi...

 ulteriori informazioni

Maria Elisabetta Novello

Il principale materiale con cui lavora Maria Elisabetta Novello è la cenere, usata nei diversi colori che può assumere a seconda del grado di combustione e del tipo di legno utilizzato. Il legno di conifera genera ad esempio una cenere scura, mentre il faggio bruciato diventa di colore grigio chiaro. In generale, quanto più alto è il grado di combustione, tanto più ch...

 ulteriori informazioni

Giovanni Ozzola

Giovanni Ozzola lavora principalmente con fotografie e video, ma nelle sue sculture e installazioni inserisce anche diversi materiali e oggetti trovati. Accanto alla ricerca sulle caratteristiche fisiche della luce, un altro tema centrale del suo lavoro è lo studio di come l’uomo si colloca nello spazio e nel tempo. Per lui è fondamentale la concezione filosofica del ...

 ulteriori informazioni

Laurina Paperina

Il suo pseudonimo ci dà già un indizio fondamentale sull’approccio molto giovanile della sua arte, nonché sulla tendenza rappresentata dalla sua cifra stilistica e dalla sua tematica preferita. Il nome Paperina, da lei scelto e con il quale si presenta, infatti, in italiano non è altro che il nome del popolare personaggio femminile del fumetto Paperino. Dando poi come...

 ulteriori informazioni

Nicola Samori

Di Nicola Samorì abbiamo seguito per anni gli sviluppi che hanno fatto di lui un virtuoso pittore contemporaneo di temi classici, con particolare attenzione per quelli dell’arte italiana del Rinascimento. Adesso ha fatto un passo radicale nella sua concezione della pittura, per questo abbiamo deciso di invitarlo alla presente edizione della biennale della Fondazione V...

 ulteriori informazioni

Marco Maria Giuseppe Scifo

Marco Maria Giuseppe Scifo incarna il tipo dell’artista ingegnoso che è tanto un ideatore creativo di produzioni estetiche, quanto un pensatore e inventore speculativo. In questo senso continua una tradizione che era viva soprattutto nella cultura italiana del Rinascimento e successivamente anche nel Manierismo e nel Barocco, in cui capacità come fantasia e spirito in...

 ulteriori informazioni

Nicola Toffolini

Dalla seconda metà del Novecento le questioni ecologiche rientrano fra i temi centrali dell’arte. La natura non è solo oggetto di osservazione empirica, ma diventa anche materia di operazioni artistiche e sociali. Le strategie dell’arte contemporanea mirate al confronto con i molteplici interventi umani nei processi naturali e ambientali hanno aperto un ventaglio di p...

 ulteriori informazioni

Gianluca Vassallo

Gianluca Vassallo, artista di origini napoletane che vive e lavora in Sardegna, si esprime attraverso la fotografia, mezzo espressivo al centro dell’attuale scena artistica figurativa, che oggi trova applicazione in numerose strategie estetiche e che è divenuto irrinunciabile soprattutto per le posizioni concettuali. Il mio intento è quello di spiegare in cosa consist...

 ulteriori informazioni