Vincenzo Rulli, Roma

« indietro Premio Artistico 2012

Vincenzo Rulli Profil

Artigiano dell‘ironia e scultore dell‘impossibile, Vincenzo Rulli è alla continua ricerca della propria identità, come uomo e come artista. Il suo volto, le sue mani, la sua bocca sono continuamente riprodotti nelle sue opere e assurgono a prototipo umano di una serie di azioni che vogliono indurre delle reazioni – fisiche e poi mentali – nello spettatore. L‘interazione con l‘altro, osservatore, si fa stringente nel 2007 con l‘opera “Videocalorie” in cui il busto dell‘artista è proiettato su una cascata di latte di mandorla il cui bianco candore viene poi contenuto in una vasca di metallo sottostante dalla quale è possibile abbeverarsi, se lo si vuole. In questo lavoro installativo Rulli introduce tre elementi che in seguito divengono delle costanti: la parte meccanica del lavoro (il latte di mandorla è immesso grazie ad una pompa per il trasferimento di liquidi alimentari); la possibilità di interagire con il pubblico; l‘elemento allegorico qui rappresentato dal melograno che l‘artista tiene in mano nella sua immagine riflessa sulla cascata. L‘allegoria diviene presto esplicita citazione di un passato mitologico come veicolo di significato, come chiave interpretativa spesso connotata di un pizzico d‘ironia. Lo si evince sin dai titoli come in „Ode a Medusa con cornamusa“ del 2010, eseguita per gli spazi della casa museo Pietro Canonica a Villa Borghese a Roma. Il calco in resina bianca del volto dell‘artista, posto su un piedistallo ed inserito in un corridoio colmo di busti eseguiti da Canonica, vuole rendere la scoperta una sorpresa pietrificante. Al solo passaggio dello spettatore i capelli, costituito da tante lingue di Menelik, si raddrizzano creando un rumore assordante. Non si capisce chi dovrebbe essere più spaventato, se l‘opera o lo spettatore. Le guance del volto scolpito, inoltre, arrossiscono durante il terrificante urlo creando un cortocircuito emotivo tra l‘imbarazzo dell‘uno (la Medusa) e lo spavento dell‘altro (osservatore). Nel recente progetto „Cinque esercizi per diventare un imperatore ideale“ (Mara Coccia Arte Contemporanea, Roma 2011) Rulli ha occupato lo spazio con cinque sculture polimateriche e dinamiche. La prima, „Apogrifo di Adriano“, rimanda al pensiero filosofico attraverso una piccola sfera che rimane sospesa sopra la testa del volto imperiale grazie ad una pompa d‘aria nascosta che si attiva al nostro passaggio. Più ironicamente, in „Senza Tito“, un braccio è teso nel saluto romano e tiene in mano uno yo-yo il cui continuo movimento afferma senza sosta una presenza individuale -io -io – e, al contempo, la sua inevitabile mancanza.

Manuela Pacella

Curriculum

Vincenzo Rulli è nato nel 1980 a Roma. Dopo gli studi umanistici presso il Liceo Ginnasio Tito Lucrezio Caro si iscrive all‘Accademia di Belle Arti di Roma, dipartimento di Scultura, e diplomandosi in Fenomenologia dell‘Arte Contempranea presso la cattedra di Cecilia Casorati. Negli stessi anni colabora a ricerche sulla scultura e pittura del XVI e del XVII secolo. L‘artista vive e lavora a Roma.

Opere

Rulli odeamedusaconcornamus 1

„Ode a Medusa con cornamusa“, 2010

Ode an Medusa mit Dudelsack

tecnologia/dettagli:

Sockel aus lackiertem Holz, Büste aus patiniertem Kunststoff, An|Aus-Schalter, LED-Leuchten, Luftrüssel mit Tröten (Karnevalsscherzartikel aus Papier mit Mundstück zum Aufblasen und zur Lärmerzeugung), Gebläse, Zeitschaltuhr, Bewegungsmelder, elektrisches Kabel.
dimensione: 150 × 50 × 50 cm

Rulli odeamedusaconcornamus 2

„Ode a Medusa con cornamusa“, 2010

Ode an Medusa mit Dudelsack

tecnologia/dettagli:

Sockel aus lackiertem Holz, Büste aus patiniertem Kunststoff, An|Aus-Schalter, LED-Leuchten, Luftrüssel mit Tröten (Karnevalsscherzartikel aus Papier mit Mundstück zum Aufblasen und zur
Lärmerzeugung), Gebläse, Zeitschaltuhr, Bewegungsmelder, elektrisches Kabel.
dimensione: 150 × 50 × 50 cm

Rulli senzatito

„Senza Tito“ (Ohne Titus), 2011

tecnologia/dettagli:

Ausgestreckter Arm aus patiniertem Kunststoff, Yo-Yo (Kinderspielzeug) an einem Nylonfaden hängend, lackiertes Holz, elektrisches Kabel, Meccatronik (elektronische gesteuerte Mechanik)
von Felice Farina für Ninalab.

dimensione: 250 × 35 × 100 cm

Rulli apogrifodiadriano

„Apogrifo di Adriano“, 2011

Die verborgene Schrift des Hadrian

tecnologia/dettagli:

Sockel aus lackiertem Holz, Porträtkopf des Hadrian aus patiniertem Kunsstoff, Kugel aus Weichplastik, Gebläse, Zeitschaltuhr, Bewegungsmelder, elektrisches Kabel.

dimensione: 180 × 40 × 40 cm

Rulli lamo

„L‘Amo“ (Die Angel), 2011

tecnologia/dettagli:

Figur aus patiniertem Kunststoff, Filz, Angelrute, Nylonfaden, Schaumgummi, Eisen, Kleidungsstücke aus Textilien, elektrisches Kabel, Meccatronic (elektronisch gesteuerte Mechanik) von Felice Farina für Ninalab.

Mostre personali

2007 Arianna, Galleria Spazio Punctum, Roma

2011 Cinque esercizi per diventare un imperatore ideale, Galleria Mara Coccia Arte Contemporanea, Roma

Mostre collettive

2001 Studi Aperti, Studio Fioramanti, Roma

2004 Museo Storico della Fanteria, Roma
Obiettivo Pax, Paris

2005 Incontro con l‘Accademia, Studio Arte fuori, Roma

2006 LegAmi – un segno nel parco, Parco
Archeologico Ambientale, Tivoli

2007 Opera Bosco, Museo Laboratorio di Arte Contemporanea nella Natura, Viterbo Visioni dell‘umanità,
Galleria Pensieri  in Moto, Roma
Percorsi tra natura e architettura, Accademia di Belle Arti di Roma                                                                                                                        
INVITA, Residenza privata Bulgari, Roma

2008 Contemporaneamonti, Roma

2009 Godart, Museo Laboratorio Ex-Manifattura Tabacchi, Pescara La scultura – dare forma allo spazio,  Museo H.C. Andersen, Roma

2010 The animal room, Museo di Arte Contemporanea di Roma (MACRO Future), Roma
Polvere negli occhi, Museo Permanente di Arte Contemporanea, L‘Aquila
Ente Comunale di Consumo, Centro Internazionale per l‘Arte Contemporanea (CIAC), Castello Colonna, Genazzano
My Generation- Dentro Roma II – Artisti under 35, Museo Pietro Canonica nel Parco della Villa Borghese, Roma

2011 Villa Adriana – Dialoghi con l‘antico, Museo Archeologico di Villa Adriana, Tivoli
Arte e Scienza, FGTecnopol – Parco Tecnologico Tiburtino, Roma